- LE ORIGINI DEL ROTARY -

 

Sul finire dell’Ottocento, l’America era in piena espansione industriale e Chicago era una delle principali città americane con l’industria e il commercio estremamente sviluppati. Non a caso nel 1893 si tenne proprio in quella città l’Esposizione Colombiana, una Fiera mondiale che pose Chicago sotto le luci della ribalta internazionale. In detta realtà, giunsero uomini provenienti da ogni dove in cerca di lavoro e abbisognevoli di ogni tipo di assistenza. Tra questi, anche molti nostri emigrati.

In quella stessa Chicago, il 23 febbraio 1905 si sparse il seme da cui sarebbe poi germogliato il Rotary. Quattro persone: l’avvocato Paul Harris, il commerciante di carbone Sylvester Schiele, l’ingegnere minerario Gustav E. Loehr e il sarto Hiram E. Shorey, provenenti da diversi Stati (America, Germania, Svezia e Irlanda) e aderenti a differenti fedi religiose (cattolica, ebraica e protestante) ma uniti da una profonda e sincera amicizia, decisero di porsi al servizio della Società.

La prima attività intrapresa fu un po’ curiosa e “fuori le righe” ma innovativa per il periodo storico: la costruzione di un servizio igienico pubblico sulla piazza del municipio di Chicago.

Il nome “Rotary” nacque dall’abitudine che questi quattro avevano di riunirsi, a rotazione, presso lo studio di uno di loro.

Dopo un po’ aderì un quinto uomo, il tipografo Harry Ruggles e, di seguito, ancora altri, sì che al termine del 1905 il Club arrivò a contare circa 30 Soci. Da allora si scelse di individuare come sede un albergo e di incontrarsi lì settimanalmente. Quest’abitudine è rimasta sino ad oggi nei vari Club Rotariani di tutto il mondo.

Il primo stemma Rotary fu ideato proprio nel 1905 e realizzato da un incisore da poco entrato come Socio nel Rotary Club di Chicago: Montagne (Monty) Bear.

Questi prese a modello la ruota di un calesse con 13 raggi. L’idea piacque a Paul P. Harris e agli altri Soci fondatori e fu subito approvata. Questo stemma, molto simile a quello attuale, subì negli anni tante modifiche per lo più grafiche.

Ben presto l’idea di pace, solidarietà e servizio concreto verso il prossimo prese piede e si diffuse a macchia d’olio, prima in America (il secondo Club fu costituito nel 1908 a San Francisco) e poi in altre parti del mondo. Il primo Club aperto al di fuori degli Stati Uniti fu quello canadese di Winnipeg (1910) al quale fece seguito nel 1911 quello europeo di Dublino (Irlanda).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Rotary è costituito da tre componenti: al centro dell’organizzazione vi sono i Rotary Club, sostenuti dal Rotary International e dalla Fondazione Rotary. Esaminiamo queste realtà e la loro storia.


 

Please publish modules in offcanvas position.